Il Museo Nazionale dell’Aviazione Rumena

Il Museo Nazionale dell’Aviazione Rumena

Il Museo Nazionale dell’Aviazione Rumena è stato istituito con la Decisione del Governo n. 196 del 02.03.1990, è accreditato dall’Ordine n. 2296 / 03.06.2010, è diventato un museo di importanza nazionale con GD 360 / 06.04.2011 e con il numero d’ordine 279 / 17.11.2011, l’edificio del Museo Nazionale dell’Aviazione rumena è classificato come monumento storico, categoria Ensemble, gruppo di valori “B”. Il museo è stato riaccreditato con il decreto n. 2981/02/02 del 2015.

Il museo è stato aperto nel 1993 in 5 tende sull’aerodromo militare di Otopeni. Nel 1995, il Comando dell’Aviazione militare ha assegnato al museo uno spazio di fronte all’aeroporto internazionale di Baneasa. Qui, ha funzionato fino al 1998. Successivamente, lo Stato Maggiore dell’Aeronautica ha distribuito un nuovo spazio espositivo vicino all’aeroporto internazionale di Otopeni, l’inaugurazione ha avuto luogo il 2 marzo 2000.

Dal 2006, il Museo Nazionale dell’Aviazione Rumena è situato nella zona settentrionale di Bucarest, negli hangar che erano situati sul lato sud dell’aeroporto militare di Pipera nella prima metà del 20 ° secolo. Questo aeroporto è stato istituito nel 1915 per l’addestramento dei piloti laureati della Scuola di Pilotaggio militare di Cotroceni.

Lo spazio espositivo del Museo Nazionale dell’Aviazione Rumena comprende due edifici per hangar e una mostra all’aperto.

Hangar 1 (Sala “Traian Vuia”)

La mostra di base presenta la storia dell’aeronautica dall’inizio al 1959. Negli spazi dedicati ai tre pionieri dell’aviazione rumena: Traian Vuia, Aurel Vlaicu e Henri Coandă, la replica dell’aereo Vuia n. 1, sono esposti modelli di alcuni aeroplani da loro realizzati, così come oggetti e documenti che appartenevano all’ingegnere Aurel Vlaicu.

L’Ordine nazionale “Virtù aeronautica”, il primo ordine aeronautico al mondo, istituito dal re Carol II nel 1930, è un elemento rappresentativo per l’era tra le due guerre.

Lo spazio destinato alla seconda guerra mondiale è evidenziato presentando la replica del piano IAR 80, di personalità, uniformi, documenti.

Il periodo successivo al 1945 è evidenziato da caccia e stazioni di radiolocalizzazione. Nel passaggio che collega i due hangar, viene ricreata l’atmosfera di una strada del periodo tra le due guerre e viene raffigurato il modo in cui la società rumena e l’aviazione si intersecano.

Hangar 2

La mostra di base è dedicata agli anni ’60 -’70. Gli aerei a reazione presentati sono MiG 17, 19 e 21, L-29. La mostra è completata da simulatori di volo, tecnica di radiolocalizzazione e artiglieria antiaerea specifica per l’epoca.

Nel parco espositivo all’aperto sono esposti aeroplani a motore classico, a reazione, elicotteri, tecnica di radiolocalizzazione, cannoni antiaerei e missili terra-aria.

Il Museo Nazionale dell’Aviazione Rumena è l’unica istituzione con un profilo aeronautico nel paese e ha un patrimonio comprendente beni culturali mobili che costituiscono raccolte uniche a livello nazionale: “Aerei”, “Motori per l’aviazione”, “Brevetti e libri di volo”, “Posti a sedere catapulta”, “Aurel Vlaicu “,” Henri Coandă “,” Ordini e medaglie “,” Uniformi, costumi, tute e accessori di volo “.

“Distintivi e distintivi”

Le collezioni del museo sono utilizzate dalle sezioni “Storia dell’aeronautica” e “Restauro, conservazione tecnica aeronautica “.

La collezione “Hermann Oberth” è evidenziata dalla sezione “Storia dei missili e della ricerca spaziale”, che opera nella casa-memoriale Hermann Oberth a Mediaș. La raccolta contiene documenti e oggetti appartenuti allo scienziato Hermann Oberth.

Direttore del Museo: Comandante Bojescu Lică

Giorni di apertura: da mercoledì a domenica dalle 09.00 alle 15.30.  Ultimo accesso al museo alle 14:30.

Indirizzo: Str. Fabrica de Glucoză n. 2-4, settore 2, Bucarest

Mezzi di trasporto: metro: Stația Aurel Vlaicu Station; autobus 605 – Stazione del Museo dell’Aviazione

Tel / Fax: (004) 021-232.04.04 / 0764 402 783

E-mail: relpub.muzeulaviatiei@roaf.ro

Testo: fonte ufficiale sito Museo Nazionale dell’Aviazione Rumena, foto di Alessio L. & Britta K. a cura di AB-AviationReporter.com

282 Visite totali, 3 visite odierne