Aeronautica Militare – Al 6° Stormo il velivolo Tornado festeggia i suoi 40 anni di servizio 1982-2022.

Aeronautica Militare – Al 6° Stormo il velivolo Tornado festeggia i suoi 40 anni di servizio  1982-2022.

Ghedi 8 Settembre 2022.

Primo prototipo del consorzio Panavia Tornado con la livrea bianca e rossa.

Giovedì 8 settembre sulla base aerea di Ghedi sede del 6° Stormo “Diavoli Rossi”, si è svolta una grande festa, nonostante uno scroscio di pioggia a metà mattina dovuta dai temporali locali sul piede montana. L’aeroporto di Ghedi ha accolto, oltre tremila persone per celebrare un compleanno indubbiamente speciale ovvero i 40 anni dall’atterraggio del primo Panavia Tornado, il 27 agosto del 1982 con il primo velivolo identificato con le marche 6-02 matricola MM 7007 assegnato al 154° Gruppo Volo, portava sulla deriva verticale una bellissima insegna rossa tipo freccione con il diavoletto all’interno. La giornata è stata ricca di iniziative da quelle tecniche con degli hangar con materiale in esposizione per conoscere meglio il velivolo Tornado con tutti i suoi armamenti, pod fotografici, caschi da volo, vestiario speciale etc. in un altro hangar ricoverato un bellissimo F-35 A prossimo a restare definitivamente sulla base bresciana.

Il Capo di SMA alle firme ricordo sul profilo del del Tornado.

Molti gli stand per acquistare un ricordo della gloriosa giornata, un simulacro del motore fatto davvero bene per capire quanto è impegnativa la manutenzione di questi motori a turbina, ed un hangar contenente la parte anteriore dell’aereo per poterci salire all’interno, in sicurezza e capire bene come è fatto un Cock pit del Tornado. Programma ricco fin dall’inizio della giornata con la cerimonia ufficiale, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica generale Luca Goretti, del Comandante della squadra aerea generale Alberto Biavati e ovviamente del comandante del 6° Stormo Colonnello Giacomo Lacaita, e altri ex appartenenti ai vari gruppi di vari Comandi differenti venuti per celebrare la giornata. Nel corso della cerimonia, iniziata con l’alzabandiera, il Gen. S.A. Luca Goretti (ex 156° Gruppo Volo “Le Linci”), ha voluto ripercorrere i passi della storia operativa del Tornado finendo con il ricordare, con un minuto di raccoglimento, tutti coloro che negli anni hanno perso la vita.

Formazione Legend

Conclusa la parte istituzionale, è iniziato il momento più atteso della giornata: il programma di volo. Un vero e proprio air-show dedicato al Tornado e ai presenti che non ha mancato di riservare sorprese soddisfacendo anche i palati più fini. La manifestazione ha preso il via con la pattuglia Legend, formata da velivoli ad elica basici per l’istruzione al primo contatto con il mondo del volo, come il SIAI-208 A e l’SF-260 EA, per poi avere due aerei della Seconda Guerra Mondiale un T-9 Texan ed un G-46 fino ad arrivare al MB-326 arancio al MB-326K mono seat, al successore MB-339 A ancora usato per la scuola basica alle scuole di volo fino all’ultimo nato di casa Leonardo l’M-346 dell’Aeronautica Militare. Dopo una serie di passaggi in formazione per esibire le linee del passato con il nuovo sono entrati in scena i protagonisti della giornata scorati dalle Frecce Tricolori con i colori del tricolore. Dopo il sorvolo istituzionale la Pattuglia di esibita con il programma basso per deliziarci con le acrobazie sui cieli Bresciani. Subito dopo il loro atterraggio, spazio ai Tornado che hanno dato foggia delle loro abilità volando anche in una corposa formazione di 10 aerei. Il pattuglione era composto da velivoli versione IDS (Interdiction Strike, puri bombardieri) facenti parte del 154° Gruppo Volo, la versione per guerra elettronica ECR (Elettronic Combat Reconaissance) del 155° Gruppo Volo e i trainer a doppi comandi del 102° Gruppo Volo della scuola Tornado OCU. Mentre per gli ex appartenenti del 156° Gruppo Volo solo un ricordo del passato messo in posizione quadro nel settembre 2016 per via delle ristrutturazioni della Forza Armata per contenere le spese militari.

Distintivo del 154° Gruppo “Devil”
Distintivo del 155° Gruppo “Pantere Nere”
Distintivo del 156° Gruppo “Le Linci” oggi in posizione quadro.
Distintivo del 102° Gruppo OCU ” i Paperi”
Special Color dei 40 anni

Per celebrare il quarantesimo è stata studiata una livrea speciale (Special Livery) per uno dei velivoli dello Stormo. Si è voluto ideare un qualcosa che ripercorresse la vita operativa del velivolo con le livree vestite nei passati quattro decenni: partendo dalla prua troviamo infatti i colori sperimentali, la livrea mimetica anni ‘80, la colorazione desertica usata nel 1990 nella Guerra del Golfo e sulla coda l’attuale grigio NATO, impreziosito dal logo della giornata. A 40 anni dal suo arrivo, il Tornado è in via di prepensionamento e saranno sostituiti con i modernissimi F-35° Lightning II. Questo non significa che i Tornado saranno accantonati, anzi “Il vero traguardo è arrivare a 40 anni in piena forma – ha dichiarato il comandante Lacaita – Una macchina al 100% ancora operativa e sulla quale l’Aeronautica Militare si affida per le tante delle sue capacità peculiari”. Nonostante tutto, il futuro sarà dell’F-35. Attualmente sono due quelli consegnati al 6° Stormo il primo aereo giunto in volo scorato da tre Tornado, il 16 giugno 2022, fu consegnato e sarà presto nella base di Ghedi appena termineranno i lavori per la cittadella con tutti i sistemi aggiornati logistici, tecnici, manutentivi e di protezione esempio come i colleghi del 32° Stormo di Amendola Foggia, già operativi da anni con questo assetto di quinta generazione.

Sarà quindi un avvicendamento graduale con la dismissione dei velivoli più anziani man mano che raggiungeranno il limite della vita operativa. A tutti i fans di questa macchina potete stare certo di vederli ancora almeno per altri 5 o 6 anni resteranno nella vita operativa attiva della nostra Arma Azzurra.

Ringraziamo tutto l’Ufficio della Pubbliche Relazione dei Media del 6° Stormo, per averci dato la possibilità di assistere a questo magnifico evento, ovviamente un sentito ringraziamento al Comandante della base Col. Giacomo Lacaita che nonostante i tempi difficili e di pandemia che ci sono stati, ci ha fatto rivivere momenti più unici che rari. Un grazie a tutti i Comandanti dei tre gruppi ad oggi operativi sulla base del 6° Stormo.

Testo & Foto di Alessio L. a cura di AB-AviationReporter.com

 332 total views,  2 views today

Total Page Visits: 1341 - Today Page Visits: 5